Convegno “Diabete: cibo a portata di mano” di AMADiab a Porto Empedocle

 

Sabato 14 Aprile 2018 ore 16.00 presso Torre Carlo V Porto Empedocle si terrà il convegno organizzato da ASSOCIAZIONE ONLUS «AMADIAB ASSOCIAZIONE DIABETICI AGRIGENTINI»

L’Associazione Amadiab, composta prevalentemente da genitori di bambini diabetici che opera nel territorio agrigentino, è lieta di presentare il convegno dal titolo “Diabete: cibo a portata di mano”.

Ospiti della Sala grande della suggestiva Torre Carlo V di Porto Empedocle, giorno 14 aprile 2018, desideriamo rivolgere i nostri ringraziamenti in primis al Sindaco del Comune che ci ha dato il patrocinio, la dott.ssa Ida Carmina e alla disponibilità dell’assessore La Porta. L’evento di oggi si inserisce in una campagna di sensibilizzazione alla collettività sulla tematica in oggetto vista la dilagante e prorompente diffusione della patologia cronica, specie fra i bambini.

I nostri ringraziamenti e apprezzamenti sinceri vanno al dott. Giuseppe Gramaglia, Primario del Reparto di Pediatria Asp Ag., nonostante la dedizione e passione nello svolgimento della sua professione a tutela della salute dei bambini.
Nello specifico, notevole il suo costante impegno nel mantenimento dello sportello ambulatoriale di diabetologia pediatrica presso il suo Reparto e nella istanza comune all’ottenimento della istituzione di un centro satellite di diabetologia pediatrica ad Agrigento. Un cordiale e sincero ringraziamento ai relatori del convegno la dott.ssa Piera Buscarino, la dott.ssa Claudia Albino, la dott.ssa Gabriella Sacchi e il dott. Giuseppe Carlino, per l’impegno profuso.

Il titolo del Convegno, dai toni volutamente provocatori, tende a sottolineare l’importanza del cibosanoegenuinocometerapiadisupportonellagestionecorrettadellapatologia, innetto contrasto col cibo spazzatura cui oggi siamo abituati, perché di più facile e mediatico consumo. Specie nei bambini non va sottovalutata la cura dell’approccio psicologico corretto al cibo sano: i minori vanno educati a convivere con una patologia che spesso diversifica nelle scelte alimentari tipiche dei coetanei; ma diversità non deve essere indice di limitazione o privazione ma di guida leader nella scelta di una alimentazione sana per tutti, poichè siamo quello che mangiamo…

Occorre che le famiglie in primis siano chiamate ad adempiere al ruolo di guida cardine nella gestione domiciliare della patologia in sinergia con l’assistenza sanitaria che deve essere continua ed integrata, stante la cronicità della malattia, partendo soprattutto dall’adozione di corrette abitudini alimentari. La famiglia è anche l’ambiente sano in cui il paziente minore deve sentirsi compreso, ma indirizzato ad una valida ed efficace autonomia di gestione della patologia in modo da prevenirne le complicanze.

Da non trascurare l’aspetto emotivo di accettazione iniziale della patologia, di mantenimento di un buon equilibrio nel compenso metabolico, di convivenza quotidiana con una realtà che seppur difficile, può portare, se vissuta bene, ad un potenziale umano di notevole pregno e valenza, poichè in grado di formare persone di forte spessore: affrontando paure, timori, sperimentando la sofferenza, infatti, emerge la grandezza della persona umana.

Ingrediente fondamentale, da non dimenticare, il sorriso: in modo che oltre le indispensabili penne i nostri ragazzi sappiano usare i colori nella loro vita.

Avv. Alessandra Priolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.